Verona e i suoi musei

Museo ci Castelvecchio Verona

Per chi decide di visitare Verona e le sue bellezze, sono davvero tanti gli itinerari tra cui scegliere e quelli da “creare su misura”: storia, arte, letteratura, scienza, solo per citarne alcuni, sono i musei che caratterizzano le numerose passeggiate alla scoperta di una città ricca di sapere antico e moderno dove, di sicuro, non ci si può che stupire, incuriosire e appassionare.

Museo di Castelvecchio
Il Museo di Castelvecchio, le cui entrate sono a ponte levatoio, è ospitato nel grande edificio militare costruito nel 1354 dall’allora signore di Verona, Cangrande II.

Il Castello è munito di merli a coda di rondine, volta verso l’alto, indice questo che la famiglia scaligera era strettamente legata all’Imperatore, e quindi di parte ghibellina, tenuto conto che Cangrande I della Scala era stato nominato rappresentante (vicario) di Enrico VII nel 1311.

Utilizzato nei tempi per vari scopi e anche da diversi eserciti di occupazione, negli anni 1923-1926, l’edificio fu adibito a museo civico della città di Verona. All’interno delle ventinove sale, allestite in ordine cronologico, si possono ammirare le massime testimonianze delle varie epoche storiche veronesi.

Visitando il monumento scaligero, un’occasione da non perdere è l’accesso ai camminamenti di Ronda, con giardino pensile, e alla torre dell’Orologio, dove si può ammirare la statua di Mastino II della Scala.

Museo Archeologico
Il Museo Archeologico, con i suoi edifici e chiostri, rappresenta di per sé un importante monumento da visitare. Un tempo convento quattrocentesco di San Girolamo, il museo fu istituito nel 1924 in posizione sopraelevata rispetto al Teatro Romano.

Al suo interno si trovano circa 600 opere, fra bronzi, epigrafi, sculture e mosaici, oltre a circa 150 reperti archeologici esposti nel chiostro esterno e nell’area adiacente al teatro. I reperti, provengono da Verona, dal territorio circostante e da diverse collezioni cittadine.

Museo degli Affreschi
Nei pressi della Tomba di Giulietta, all’interno del complesso conventuale di San Francesco al Corso, il Museo degli Affreschi espone appunto cinquanta affreschi e sette sculture in sei sale. Altre ventidue grandi tele restaurate, datate dal Cinquecento al Settecento, sono invece visibili nella vicina chiesa.

Museo Lapidario Maffeiano
Il Museo Lapidario, uno dei primi musei pubblici in Europa, fu costruito – vicino alle mura interne – nel 1745 su progetto del conte Alessandro Pompei, per volontà dello studioso veronese Scipione Maffei. Appassionato di arte classica, Maffei riteneva infatti che l’epigrafia fosse importante ai fini dello studio e della conoscenza della storia antica.

Il materiale epigrafico (risalente al periodo greco, etrusco, paleoveneto, romano e arabo) e i rilievi sono distribuiti nel cortile, nel sotterraneo e nelle due sale superiori secondo una precisa suddivisione cronologica. Se dal giardino si può accedere al Teatro Filarmonico, dalle sale interne c’è il passaggio ai camminamenti sui Portoni della Bra.

Museo Canonicale
Ospitato nel chiostro della Cattedrale, situato in piazza del Duomo, il Museo Canonicale custodisce un’importante collezione di dipinti e sculture, in modo particolare di scuola veronese, dal XIII al XIX secolo, oltre a oggetti liturgici tra cui una raccolta di utensili vescovili della chiesa.

Museo degli Scavi Scaligeri
A pochi passi da Piazza Erbe e da Piazza dei Signori, si trova il Museo degli Scavi Scaligeri: una vasta area archeologica che permette di scoprire Verona romana e medioevale.

Museo di Storia Naturale
Il Museo di Storia Naturale ha sede, dal 1926, nel cinquecentesco palazzo Lavezzola Pompei, capolavoro rinascimentale dell’architetto veronese Michele Sanmicheli. Le collezioni ospitate al suo interno sono organizzate nelle sezioni di Botanica, Geologia e Paleontologia, Preistoria, Zoologia e comprendono milioni di oggetti naturali: un patrimonio di alto valore e grande ricchezza per la città di Verona.

Galleria d’Arte Moderna
All’interno dello storico Palazzo della Ragione, la Galleria di Arte Moderna offre un percorso espositivo che permette di rivivere cento anni (dal 1840 al 1940) di storia, arte e cultura veronese. Nelle sue sale si possono infatti ammirare circa 150 opere, tra pittura e scultura, provenienti da collezioni private di Achille Forti e della fondazione Domus-Cariverona.

Miniscalchi Erizzo
Il Museo Miniscalchi Erizzo si trova tra Piazza Erbe e il Duomo. Oggi di proprietà dell’omonima Fondazione, gli edifici che lo compongono rappresentano un valido e unico esempio di arte tardo gotica, nel cuore della città di Verona. Al suo interno il palazzo ospita, invece, una collezione permanente di opere d’arte di rara bellezza.

Museo Africano
Il Museo Africano dei Missionari Comboniani fu istituito a Verona nel 1938. Si tratta di un museo etno-antropologico, dove poter studiare e conoscere il mondo e la cultura dell’Africa in un percorso multimediale, affiancato da mostre e laboratori didattici per studenti che volessero esprimere la propria creatività in un confronto con altre culture.